Progetto RAMANmieloma

Gazzetta del Sud 2014 - ABAL RicercaLa Spettroscopia Raman in ambito biomedicale

La spettroscopia Raman costituisce una tecnica consolidata per lo studio di campioni tissutali umani e per l’analisi e l’identificazione di cellule batteriche e virali. Meno comune è l’impiego di codesta metodica per la valutazione di singole cellule. L’analisi dello spettro Raman, la possibilità di identificare una gerarchia degli spettri Raman ed ottenere una clusterizzazione degli stessi permette non soltanto di identificare il tipo cellulare in questione, ma potrebbe addirittura consentire di stabilire lo stato metabolico delle cellule esaminate.
Recentemente, divesi studi sono stati affrontati per la valutazione delle neoplasie della testa e del collo, del carcinoma orale, dell’esofago, della mammella e per lo studio di altre patologie oncologiche e loro trattamento terapeutico.Come è ben noto nel panorama biomedicale, uno dei problemi fondamentali nell’impiego di specifici farmaci per il trattamento del mieloma multiplo è costituito dalla impossibilità di predizione della risposta ai farmaci stessi, dato che la risposta individuale è del tutto imprevedibile, e che una condizione di resistenza può essere messa in evidenza solo dopo un trattamento terapeutico prolungato, con un significativo ritardo nell’implementazione di una terapia realmente efficace e con l’inutile esposizione del paziente a effetti collaterali anche gravi (neuropatia, eventi trombotici, neutropenia e piastrinopenia, ecc.).

Scopo degli studi condotti negli ultimi anni da un gruppo interdisciplinare di ricercatori dell’Università di Messina è quello di identificare segnali Raman provenienti da cellule provenienti da colture diversamente sensibili a specifici farmaci utilizzati per il trattamento del mieloma multiplo.
Facilmente intuibile è il potenziale traslazionale della ricerca condotta dal gruppo di ricercatori dell’Università di Messina: l’analisi delle cellule del paziente mediante spettroscopia Raman renderebbe possibile, in tempo reale, di identificare i pazienti resistenti ai singoli farmaci. Si avrebbe dunque la possibilità di impiegare farmaci sicuramente efficaci, di ridurre il tempo di intervento sulla malattia, di contenere gli effetti collaterali, di non esporre il midollo del paziente a inutili eventi citotossici e di permettere dunque una ottimale raccolta di cellule staminali midollari per l’esecuzione di eventuale autotrapianto, consentendo infine di ottimizzare le risorse.

Bibliografia corrente sull’argomento sopra descritto

1. Movasaghi Z, Rehman S, Rehman IR Raman spectroscopy can detect and monitor cancer at         cellular level: analysis of resistant and sensitive subtypes of testicular cancer cell                             lines. Applied Spectroscopy Reviews, 47:571–581, 2012

2. Rehman, S.,Movasaghi, Z., Tucker,A.T., and Rehman, I.U. (2007) Raman spectroscopic analysis      of breast cancer tissues: Identifying differences between normal, invasive ductal carcinoma        and ductal carcinoma in situ of the breast tissue. J. Raman Spectros., 38: 1345–1351.

3. Dukor, R.K. (2002) Vibrational spectroscopy in the detection of cancer. In Handbook of                   Vibrational Spectroscopy. J.M. Chalmers and P.R. Griffiths, Eds. John Wiley & Sons Ltd:                   Chichester, pp. 3335–3361.

4. Krishna, C.M., Sockalingum, G.D., Kegelaer, G., et al. (2005) Micro-Raman spectroscopy of             mixed cancer cell populations. Vib. Spectros., 38: 95–100.

5. Chan, J.W., Taylor, D.S., Zwerdling, T., et al. (2006) Micro-Raman spectroscopy detects                     individual neoplastic and normal hematopoietic cells. Biophys. J., 90: 648–656.

6. C. Kendall, M. Isabelle, F. Bazant-Hegemark, J. Hutchings, L. Orr, J. Babrah, R. Baker and N.            Stone, Vibrational spectroscopy: a clinical tool for cancer diagnostics, Analyst, 2009, 134,              1029–1045.

7. C. Krafft and V. Sergo, Biomedical applications of Raman and infrared spectroscopy to                   diagnose tissues, Spectroscopy, 2006, 20, 195–218.

8. A. P. Oliveira, R. A. Bitar, L. Silveira, R. A. Zangaro and A. A. Martin, Near-infrared Raman               spectroscopy for oral carcinoma diagnosis, Photomed. Laser Surg., 2006, 24, 348–353.

9. A. Taleb, J. Diamond, J. J. McGarvey, J. R. Beattie, C. Toland and P. W. Hamilton, Raman                   microscopy for the chemometric analysis of tumor cells, J. Phys. Chem. B, 2006, 110, 19625–       19631.

10. G. Shetty, C. Kendall, N. Shepherd, N. Stone and H. Barr, Raman spectroscopy: elucidation of        biochemical changes in carcinogenesis of oesophagus, Br. J. Cancer, 2006, 94, 1460–1464.